Disfagia, cacchessia e sarcopenia.

L’alterazione dei normali processi di deglutizione, nota a tutti come disfagia, oltre a provocare polmoniti da aspirazione e rischio di soffocamento può avere delle gravissime conseguenze sullo stato nutrizionale e sulla salute di chi ne soffre. In particolare, i pazienti che soffrono di disfagia rischiano di sviluppare fastidi che ne riducono la massa muscolare in quanto le difficoltà deglutitorie si traducono in difficoltà di alimentazione e in uno stato di malnutrizione che, a sua volta, provoca la sarcopenia o cachessia.

Come confermato dalla decima conferenza internazionale della Society on Sarcopenia, Cachexia and Wasting Disorders (SCWD), la perdita di muscolo, (sarcopenia o cachessia) è considerata una vera e propria malattia. Ma che differenza c’è tra queste due patologie che spesso colpiscono i pazienti disfagici?

Cachessia: definizione e conseguenze

La cachessia è una sindrome metabolica complessa associata a una diminuzione delle capacità fisiche e a una ridotta tolleranza ai trattamenti. Tra le patologie che causano la cachessia segnaliamo in particolare le malattie neoplastiche e patologie come sclerosi multipla, Parkinson e Alzheimer in stadio avanzato.

Le principali conseguenze fisiche della cachessia

  • riduzione dell’apporto di nutrienti,
  • alterazioni metaboliche,
  • perdita di massa muscolare,
  • perdita di massa grassa,
  • difficile utilizzazione del glucosio neoformato,
  • stress ossidativo.

Sarcopenia: definizione e conseguenze

Per sarcopenia si intende una riduzione della massa muscolare scheletrica con perdita di forza per unità di massa, calo della performance fisica e alterazioni della muscolatura stessa. Quando si parla di tessuto muscolare scheletrico ci si riferisce a quei muscoli collegati alle ossa, i cui movimenti di contrazione e rilassamento fanno in modo che i segmenti ossei in cui si inseriscono modifichino la rispettiva posizione. Stiamo parlando di una percentuale di tessuto muscolare che può costituire fino al 40% del peso corporeo. La sarcopenia è un fenomeno che colpisce generalmente le persone anziane, ma non ne sono esenti i pazienti oncologici o altri pazienti affetti da gravi forme di disfagia.

Conseguenze fisiche della sarcopenia:

  • progressiva riduzione delle unità motorie (associazioni di fibre muscolari);
  • infiltrazione di tessuto connettivale e adiposo nella muscolatura striata;
  • accumulo di lipofuscina, ossia di pigmenti che si generano in organi e nei tessuti, indice di usura e invecchiamento cellulare;
  • riduzione delle fibre muscolari di tipo II sia in termini quantitativi sia in termini di dimensioni;
  • alterazione della forma e dei nuclei dei miofilamenti.

PRODOTTI PER DISFAGICI

Per far fronte al rischio di sarcopenia, è importante che i pazienti disfagici assumano alimenti sicuri e altamente nutritivi. IOSANO offre una vasta scelta di cibi per disfagici, ricchi di proteine e vitamine: prime colazioni, primi piatti, secondi a base di carne o pesce, purè di verdure e dessert, anche arricchiti con proteine. 
Si tratta di ricette elaborate con il supporto di nutrizionisti ed esperti di cucina e realizzate unicamente con materie prime e processi di disidratazione naturali, che garantiscono la riconoscibilità della ricetta tradizionale.
Visita il nostro sito per vedere le nostre soluzioni alimentari per disfagici oppure contattaci per sapere di più sui nostri servizi per il trattamento di pazienti disfagici.

Scegli il tuo evento cominicia la tua formazione.

Iscriviti alla newsletter! Rimani sempre aggiornato, ricevi gli inviti ai nostri eventi.

Se vuoi essere aggiornato per primo su tutte le nostre iniziative iscriviti alla nostra newsletter! Riceverai gli inviti ai nostri corsi e alle nostre FAD con credti ECM e ai seminari organizzati in collaborazione con le principali associazioni e Università. Riceverai inoltre tante informazioni sulle novità scientifiche riguardanti la disfagia, sulle soluzioni e sui prodotti per idratare e alimentare i pazienti che soffronto di questa problematica.